SINTESI - Parrocchia dello SPIRITO SANTO MODENA

PARROCCHIA DELLO SPIRITO SANTO
Via F.lli Rosselli 140 Modena
Vai ai contenuti

Menu principale:

STORIA
La Parrocchia dello Spirito Santo è stata istituita nel 1979, su un territorio che in precedenza apparteneva alla Parrocchia della Madonna Pellegrina, nel quartiere Buon Pastore della città di Modena.
La nuova comunità ha avuto come prima sede un garage in Via Mantegna e come guida Don Costantino Bortolotti, che contribuì a scegliere per il nuovo complesso parrocchiale il progetto dell’Architetto Fabio Massimo Pozzi.
Il primo Parroco è stato Don Gianni Michelini, che nel 1981 avviò i lavori di costruzione, seguendoli fino a settembre del 1983, quando partì missionario per il Brasile. Dal 1° novembre 1983 il Parroco è Don Giorgio Bellei.
La palestra del complesso parrocchiale in Via Fratelli Rosselli è stata luogo di preghiera per 13 anni, fino alla Dedicazione della nuova Chiesa nel 1996.
La costruzione della chiesa ha richiesto diversi anniL’Architetto Fabio Massimo Pozzi, che ha progettato la Chiesa e il complesso parrocchiale, ne ha portato a termine la costruzione, con l’edificazione del campanile (2004) e la sistemazione dei locali sottostanti la Chiesa (2007). Del 2009-2010 è la realizzazione della maggior parte delle vetrate della Chiesa, già previste nel progetto originario; il loro tema principale è l’azione dello Spirito Santo. Nel 2010 è stata rifatta la copertura di palestra e appartamenti, installandovi un impianto fotovoltaico.
Nel corso degli anni nella Parrocchia sono nate molte famiglie cristiane, e due giovani hanno abbracciato la vita consacrata: nel 1991 Don Alessandro Fini (ora Parroco di Ganaceto) e nel 1994 Suor Veronica Sighinolfi (al secolo Maria Chiara, nella Comunità Monastica dei Figli di Dio a Settignano).
Attualmente la Parrocchia conta 6000 abitanti; la comunità è vitale e frequentata anche da un buon numero di ragazzi. La sfida pastorale è quella di essere una comunità con un’identità precisa e coerente, fondata sull’insegnamento della Chiesa.
Torna ai contenuti | Torna al menu